5 aprile 2011

Olio di semi di lino, mai più senza


"Già seimila anni fa, in Egitto, si impiegava il lino per tessere preziose bende che venivano poi usate per avvolgere le mummie dei faraoni. In seguito, il lino, si diffuse e venne apprezzato un po' in tutto il mondo e con le sue fibre vennero fabbricate stoffe pregiate destinate a vestire persone appartenenti all'alta società.
Il lino ha anche un uso cosmetico, in quanto, avendo proprietà emollienti, viene impiegato per la cura della pelle e soprattutto dei capelli ai quali sembra donare lucentezza e morbidezza particolari." (fonte)


Molte case cosmetiche mettono in commercio l'olio di semi di lino. Tra le più reperibili nei nostri supermercati ci sono quelli de I provenzali, Forsan, L'erboristica (arricchito con olio di karitè).
Io ho scelto il Forsan, sapendo che è 100% olio di semi di lino, senza ulteriori aggiunte. La confezione comprende 100 ml di prodotto, il dispenser è un contagocce.


La confezione una volta aperta dura fino a 12 mesi, ma credo che con l'uso periodico lo terminerò prima della scadenza.

Modo d'uso

Per capelli: applicare la quantità necessaria sui capelli e tenere in posa per 30 minuti. Effettuare poi lo shampoo come d'abitudine

Per viso: applicare per 15-20 minuti e detergere come d'abitudine


Ho provato a sfruttarlo per entrambi gli utilizzi. Il viso risulta più morbido. Avendo un potere emoliente, diminuisce i rossori, almeno parzialmente. Per quanto riguarda i capelli, come consigliato anche in varie review su internet (tra cui il video dedicato all'olio di semi di lino fatto da Lolla "Misstrawberryfields", lei usa quello dei Provenzali, ma non credo cambi granchè, allego il video in fondo al post) tendo a lasciarlo più tempo possibile, così da nutrire maggiormente il capello. Io lo spargo soprattutto nelle lunghezze, senza impregnarli al livello del cuoio capelluto.
Inoltre, è un'ottima sostituzione ai cristalli liquidi. Dopo lo shampoo, sui capelli tamponati, aggiungo sulle punte una leggerissima quantità di questo olio, così da chiudere le eventuali doppie punte e renderli ancora più luminosi e morbidi. Poi si passa all'asciugatura.


Sapendo che gli oli non vanno applicati "a secco" sulla pelle, inumidisco il viso prima di spargerlo. Per i capelli ho provato entrambe le cose, a secco o inumidendoli. Nel secondo caso ho notato una maggior morbidezza. La lucentezza è garantita in entrambi i casi.
Ovviamente essendo un olio, anche se non esageratamente untuoso, è piu indicato nel caso di pelle secca o normale tendente al secco. Se la mia fosse grassa non lo userei certo sul viso...


Il costo dell'olio Forsan è 3.99€ (io lo trovo al Carrefour, Auchan ecc). Quello de "i provenzali" ha una pompetta a spruzzo quindi risulta più semplice da usare, il costo è di circa 6 € ma la sua descrizione lo prevede utizzabile solo per i capelli.

Avendo un'azione emoliente, ho pensato di usarlo anche su zone irritate dal rasoio, o dopo il silk epil per evitare l'insorgere di rossori ecc (spero di non aver fatto una cosa fuori dalla grazia ahahah), ma a meno che non sia un effetto placebo, ha dato i risultati sperati! 
Ho una mezza idea di provarlo anche sulle ciglia, usando un applicatore da mascara, in sostituzione all'olio di ricino che non possiedo....vedremo se darà risultati anche per quello!


Nessun commento:

Posta un commento